Cui che o sin

Folkest

Un percors lunc 46 agns

Di palc in palc, di sale in sale, di ostarie in ostarie, si sin cjatâts a fâ i conts cui cjavei che a sblancjin e a rindisi cont che o vin viodût modificâsi ancje il compuartament dal public ai concierts insieme a un impuartant cambi gjenerazionâl.
Folkest al è un festival che a nol è bon di stâ cuiet: al è curiôs viers il mont e lis esperiencis artistichis di ogni bande, che al cîr di proponi cun cunvinzion e costance, al è un laboratori viert dut l’an che dispès a si vierç a colaborazions di grant respîr.

Us spietìn!!!

Folkest Friuil 2024
Binomio indissolubile

Folkest e il Friûl Vignesie Julie

Une regjon multietniche, siore di tesaurs d’art e di nature
Il Friûl al è, da secoli, pardabon une regjon multietniche, ‘la che e àn viût e vivin al di di vuê furlans e roseans, ladins e slovens da lis vals dal Tor e dal Nadison, alto-todeschs e venits, gjulians e slovens dal Cjars.

Dome intune regjon cussì plene di diferents stimui culturai al podeve nàssi Folkest, festival che in 46 agns di vite al à ufiert ai spetadôrs musiche cence cunfins né definizions: i irlandeis The Chieftains e Miriam Makeba, Donovan e Fabrizio De André, Joan Baez e un balarin indian, un suonadôr rosean e Van Morrison, Jethro Tull, Mike Oldfield ritmos e colôrs de Oceania e de Afriche orientâl, che musicalmenti più interesant e misteriose.



Folkest

Turisim culturâl

Non dome chest substrât culturâl al à fat in mût che che la sinergjie fra teritori regjonâl e Folkest a si svilupas in maniere cussì funzionâl e plene di valôrs: vilis, cjiscjei, placis antighis, parcos centenaris a si son ufierts, tai agns, come scenaris perfets par da lûc a concerts spetacolârs o events plui racuelts e intims, moments di studi e aprofondiment, attivitâts seminariâls e espositives; dut chest al à metût su un mecanisim virtous che al à puartât fintremai in Friûl Vignesie Julie centenârs di miârs di turiscj talians e europeans (Austrie, Cechie, Slovachie, Slovenie, Cravuazie, Svizare ma anche France, Lusemburc, Spagne, Gjermanie, Polonie, Finlandie e Danimarche), ma ancje – e forsit prin di dut – al à caraterizât pardabon il turisim locâl, invidant i residents in regjon a cognossi miôr le proprie tiere d’origjine o di residenze.

INIZIATIVIS PAR DUT L'AN

Non dome concierts

Il festival Folkest al è titolâr dal concors nazionâl Premi Alberto Cesa, articolât su siet selezions regionâls in diviersis parts d’Italia, e dal premi “Folkest – une vite pe musiche” dedicât ai artiscj che àn lassât cu le lôr cariere artistiche un segn indelebile inte musiche e inte societât.

Al è propulsôr di www.folkbulletin.com, divenuto negli anni su internet il portale del folk italiano, dopo un’attività ultraventennale cartacea come rivista mensile. 

Al è part di doi progjets europeans UpBeat e European Folk Network destinâts a le promozion e valorizazion des musichis, culturis, des minorancis e tradizions in Europe.
In prim, Folkest al è una grande machine organizative che mûf un numar rilevant di personis, animant diferents setôrs economics cun une grande ricjadude su lis ativitâts dal teritori e no dome.

 

I GRANCJ NUMARS DI FOLKEST

Fintremai dal 1996, le complete informatizazion dai servizis aministratîfs di Folkest e à fat in mût di podei archiviâ une serie di datos che a crein il patrimonio storic dal festival.

0
Localitâts interesadis
0
Musiciscj partecipants
0
Concierts
0
Dîs di Festival
Tu âs bisugne di informazions?

Tu nus pos contatât

+39 0432 172 3158

+39 335 120 2124

info@folkest.com