Folkest 2012

Storia di Folkest

EDIZIONE XXXIV

Folkest edizione 2012

Che piaccia o no, la musica è una componente importante (anzi, fondamentale) della nostra vita. Della vita di tutti. C’è musica quando si nasce e quando si muore, c’è musica nei sogni e nelle ore di veglia, musica quando ci si affatica e ci si riposa.

In molte occasioni non la sentiamo ma c’è sempre, come il sole che non smette di esistere quando è coperto dalle nuvole. Semplicemente, quando la musica sembra non essere attorno a noi, è di sicuro da un’altra parte nel mondo a far parte della vita di qualcun altro. Ma la musica c’è sempre.

Uno dei compiti istituzionali di un festival musicale, sopratutto se ha 34 anni di vita e una notorietà extraeuropea come Folkest, è quello di forzare la mano alla casualità del fato o alle inadempienze della razza umana per fare in modo che la musica riacquisti ora e sempre, e per tutti, il proprio ruolo di centralità.

In questo 2012 che sembrava avvicinarsi alla profezia dei Maya, fra terremoti e dissesti economici e finanziari, ci siamo interrogati sulle caratteristiche che avremmo potuto/dovuto conferire a questa edizione di Folkest, e ci siamo risposti che oltre al dovere morale di tenere duro (davvero una fatica che conosciamo da tempo, forse da sempre) avremmo dovuto dare di più.

Ed ecco allora l’idea: collaborare con il maggior numero possibile di realtà sul territorio e fuori di esso, aprendo il cuore alla solidarietà, facendo conoscere il volto meno noto di donne e uomini che, ancora prima di essere artisti, hanno inteso vivere la propria condizione umana a tutto tondo, donando all’umanità pagine musicali – e non solo – irripetibili.

Per questo abbiamo scelto la canzone d’autore come filo rosso che senza arzigogoli da culturame da salotto legasse insieme Alice e Woody Guthrie, Claudio Baglioni e Roberto Vecchioni, le tematiche scomode della vita d’oggi e la serenità perduta, di quando il mondo era più piccolo e noi forse tutti più felici. Anche grazie alla musica, che ci era più vicina e ci aiutava a vivere meglio.

Folkest 2012 ambiva a essere questo. Se ci siamo riusciti lo dobbiamo soprattutto a voi, pubblico che ci segue da sempre, e da voi abbiamo tratto il coraggio per pensare – alla faccia degli incolpevoli Maya e dei loro presunti sacerdoti contemporanei – all’edizione 2013 e  a tutte quelle successive.

GLI ARTISTI Folkest 2012

Alan Stivell, Bretagna
Alberto Grollo & Five Strings Quartet, Italia
Alice, Italia                                                                                                                                                        Ambrogio Sparagna e Orchestra Popolare Italiana, Italia
Area, Italia
Babemalà, Piemonte
BK Evolution, Slavia
Bradley, Cunnane & Bradley, Irlanda
Calegaria, Istria
Carrie Rodriguez, Texas
Colour Four, Slovenia
Dave Alvin & The Guilty Ones, Texas
Decalamus, Lazio
Demodé, Italia
Elvira Impagnatiello, Italia
Ensemble Righi, Italia                                                                                                                                           Flavio Vetro, Italia                                                                                                                                          Francesco de Gregori, Italia                                                                                                                           Giordano Dall’Armellina, Italia                                                                                                                       Gualtiero Bertelli, Italia                                                                                                                                     Guidewires, Irlanda
Humpty Duo, Italia
Irish&More, Italia
Jenny Sorrenti Trio, Campania
Jureduré, Italia
Kal, Serbia
Kiana, Hawaii
Krasì, Italia
Lino Straulino, Friuli
Maurizio Bettelli, Italia
Max Arduini, Italia
Mosche di Velluto Grigio, Italia
Musicanti del Piccolo Borgo, Italia
Né Ladeiras, Portogallo
Neri Marcorè, Italia
Nosisà, Friuli
Paolo Bonfanti Trio, Italia
Peter Cam, Italia
Priska, Friuli
Q-Blues, Italia
Quinta Rua, Piemonte
Rachele Colombo, Italia
Resia 3000/Mosole- Viezzi-Pagnutti, Italia
Roberto Vecchioni, Italia
Rosas e Cançoes, Italia
Saba Anglana, Somalia/Etiopia
Sikè, Sicilia
Silvia & The Fishes On Friday, Italia
Sirtos, Grecia/Ungheria
The Klezmatics, Usa
The Piedmont Brothers Band, Italia
To Loo Loose, Italia
TreniInCorsa, Lombardia
Treves Blues Band, Italia
Trio Musicanti, Italia
Vola Vola Vola, Italia
Vruja, Istria